Private Houses

press to zoom

press to zoom

press to zoom

press to zoom
1/7

La villa si articola su tre piani, è posta su un promontorio con vista panoramica sul mare e all’esterno presenta un’architettura tradizionale in pietra locale. Il progetto mira a creare identità e funzionalità degli spazi, adottando dei cromatismi di base quali l'avorio chiaro e il legno rovere naturale, per conservare una coerenza con il travertino preesistente utilizzato per le scale , il soggiorno e la cucina. L’idea base è quella di sovrapporre  ai muri interni esistenti delle quinte realizzate in cartongesso che hanno la funzione di modellare lo spazio, contenere le porte e gli oggetti e controllare la luce, creando delle fonti luminose nascoste che diano l’impressione di luce naturale soprattutto nelle zone comuni  prive di fonti luminose
Il progetto, inteso come susseguirsi di suggestioni architettoniche, si colloca bene in un concetto di “domotica” dove le luci e i suoni sono parte integrante del “vivere la casa”, intesi non più come accensione e spegnimento dei singoli interruttori o schermi televisivi ma come allargamento del concetto scenografico portandolo dalla singola stanza a percorsi personalizzati attraverso l’accensione e lo spegnimento di tutta la casa, decidendo lo scenario in base al momento del giorno, accendendo luci quando si entra nel vialetto della villa solo se buio oppure attivando l’impianto stereo aprendo la porta di casa.

Villa in Montenegro